Portami al mare

Alba sul mare (Ostia, 2019).

Sono stati giorni difficili, lo sono ancora.

Giorni in cui sono stati superati limiti per l’impossibile e l’assurdo. Giorni di buona volontà in rivoli per la pianura arsa e di allineamenti cosmici sfavorevoli. Giorni di parole accorate ed azioni scivolate via come gocce sul vetro, di consapevolezza per sconosciuti dolori e rancori e ancor più consapevoli contrizioni. Giorni di menzogne per pietà e scudi levati, sfoghi rabbiosi e timori, e anche di cattiveria ed umiliazioni. Di distanze e dolorosi silenzi.

Giorni di tristezze abissali e speranze inverosimili, di lacrime all’improvviso e sorrisi indulgenti. Giorni di corridoio, di incubi che divorano sogni, di disgusto e rabbia. Giorni di malattia e di benessere ad ogni costo. Giorni a guardare attonito un destino fra le mani per decidere se fosse inutile proteggerlo e gettarlo giù, o talmente bello da sapere di dover resistere, e che poi decidi. Giorni di pensieri nella testa. Assordanti, insopprimibili.

Servirebbe una tregua, un silenzio buono, guardando un orizzonte. Mentre ti appoggi al mio braccio e sorridi benevola, al di là di tutte le cose. Vicina all’anima stanca.

Portami al mare.


Un pensiero riguardo “Portami al mare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...